Codice SKU: cos’è e come funziona

Codice SKU: cos’è e come funziona

Redazione Pubblicato il 4/8/2022

Codice SKU: cos’è e come funziona

Siete in cerca di soluzioni per rendere più competitiva la vostra azienda? Sul nostro blog abbiamo già parlato di digitalizzazione, di e-commerce e di tutti i vantaggi – in termini di efficienza e competitività – che un’impresa digitalizzata guadagna.

Codice SKU: cos’è e come funziona
Codice SKU: cos’è e come funziona

Oggi vi raccontiamo una soluzione specifica: il codice SKU. Il codice SKU è il codice utilizzato dalle aziende per tracciare i prodotti all’interno del proprio inventario.

Grazie a questa soluzione un’impresa può avere una visione dettagliata e comprensiva dell’inventario, migliorare efficienza e tempistiche di spedizione, analizzare le tendenze di vendita e suggerire prodotti ai propri clienti e-commerce. Insomma, il codice SKU aiuta a lavorare in maniera ottimale e competente.

Vediamo cos’è il codice SKU e come funziona, in dettaglio.

Cos’è un codice SKU?

Il codice SKU – acronimo per Stock Keeping Unit – è una sequenza univoca di caratteri e numeri associata a un prodotto. Viene utilizzata per tracciare i prodotti all’interno di un inventario. Non è un codice universale come il codice a barre, ma è pensato esclusivamente per l’uso all’interno dell’azienda.  

Cos’è il codice SKU
Un codice SKU comparato con un codice a barre. Immagine : lightspeedhq.co.uk [link: https://www.lightspeedhq.co.uk/blog/sku-numbers/]
La successione di caratteri si riferisce solitamente ai principali dettagli del prodotto collocati in ordine di importanza a seconda delle esigenze dell’azienda: ad esempio, la prima posizione della sequenza può essere occupata da caratteri che corrispondono a un fascia di prezzo, la seconda al genere, la terza alla taglia, la quarta alla marca e così via.

Il codice SKU può identificare anche la posizione dell’oggetto: ovvero comunica se il prodotto si trova in magazzino o in negozio, per fare un semplice esempio. Quindi uno stesso prodotto potrebbe avere più codici SKU a seconda della posizione che può occupare all’interno dell’azienda.

In breve:

  • Il codice SKU è una sequenza alfanumerica associata a un prodotto

  • Il codice SKU non è universale ma utilizzato all’interno dell’azienda

  • Il codice SKU è univoco all’interno dell’azienda.

  • Uno stesso prodotto può avere nel corso della sua vita più codici SKU associati alla sua posizione.

Come si utilizza un codice SKU?

Il codice SKU è molto usato dalle aziende che operano nell’e-commerce – ne vedremo i motivi più avanti parlando dei vantaggi – ma in generale fornisce una visione dettagliatissima e comprensiva dell’inventario, arrivando all’unità minima di vendita.

Come funziona un codice SKU
Esempio di cifre e lettere associate a caratteristiche e posizione del prodotto. Immagine: Shopify Community [https://community.shopify.com/c/shopify-discussions/sku-generator/td-p/228993]
Facciamo un esempio: seguendo la struttura in alto, il codice SKU di una felpa Nike rossa di taglia piccola immagazzinata a Los Angeles potrebbe essere N-RED-SM-1.

La struttura del codice SKU è quindi a discrezione dell’azienda. Prima di crearne una, dovreste ragionare su cosa è utile tracciare e in che ordine di importanza. Se i clienti vi chiedono spesso informazioni sul colore, potete inserire questo parametro tra le prime posizioni della sequenza in modo da dare una risposta veloce e tempestiva, per esempio.

La lunghezza del codice poi si basa sulla grandezza dell’inventario. Se è molto piccolo e monomarca, ad esempio, potrebbe essere utile tracciare unicamente la tipologia di prodotto e poco altro e il codice SKU potrebbe essere così strutturato:

Tipo-Taglia-Colore

Ecco altre informazioni di prodotto utili da indentificare tramite il codice SKU:

  • Colore
  • Dimensione
  • Genere
  • Prezzo
  • Stile
  • Marchio
  • Numero di articolo
  • Codice categoria
  • Magazzino

In breve:

  • Il codice SKU dipende dalla visione strategica dell’azienda e dalla sue necessità. Se avete la chance di creare una struttura di codici SKU da zero, prendetevi il vostro tempo e ragionate bene su come realizzarla al meglio.

  • La complessità e lunghezza del codice SKU si basa sulla dimensione dell’inventario.

Come creare un codice SKU

In caso di inventario minimo, si possono creare i codici SKU manualmente – aiutandosi con dei fogli Excel –  o con un generatore di codici online. Se invece le cose sono più complicate – un’azienda con migliaia di prodotti distribuiti tra diversi magazzini e negozi – è sempre meglio assegnare i codici SKU tramite un POS, il sistema utilizzato dalle attività per gestire le transazioni di vendita.

Ecco qualche consiglio utile su come creare un codice SKU:

  • Mantere il codice tra gli 8 e i 12 caratteri.
  • Non iniziare mai con uno zero. Potrebbe causare errori durante la scansione.
  • Evitare lettere che possano essere confuse con dei numeri. Non usare quindi la lettera O, la lettera I.
  • Inserite nel codice SKU solo le informazioni strategicamente utili.
  • Rendere il formato comprensibile, se possibile. Ad esempio, se vendete tastiere per PC, TAS101 può indicare la tastiera con cavi, TAS102 quella wireless.

Differenza tra codice SKU e codice UPC

Uno degli errori più comuni è quello di confondere il codice SKU con altri codici presenti sul prodotto, come il codice a barre UPC (Universal Product Code). Ma i due codici sono ben diversi. Vediamo perché:

Codice SKU Codice a barre (UPC)
È formato da lettere e cifre È formato da cifre e un codice a barre
Ha una lunghezza variabile Ha 12 cifre
È un codice interno all’azienda, usato per tenere traccia dell’inventario È universale, gestito da uno standard internazionale
Identifica alcune caratteristiche del prodotto, scelte a discrezione dall’azienda Identifica prodotto e produttore
È gratuito È a pagamento

È bene dunque non confondere i due tipi di codice e fare in modo che non siano uguali.

Vantaggi del codice SKU per l’azienda

  1. Monitorare l’inventario accuratamente: tramite un buon uso dei codici SKU puoi ottimizzare scorte e giacenze. Ad esempio, puoi monitorare molto più facilmente se una determinata categoria di prodotto si sta esaurendo e ordinarla in anticipo. Oppure spostare i prodotti dal magazzino agli scaffali prima che rimangano vuoti.
  2. Monitorare le tendenze: l’uso di dati permette di capire quali prodotti stanno vendendo di più. Questa informazione è molto utile: puoi valorizzare ancora di più questi prodotti oppure impostare campagne di marketing per spingere i prodotti meno richiesti… prima di decidere se eliminarli definitivamente dal tuo inventario. In generale l’uso di dati – raccolti e analizzati tramite i codici SKU – permette di rispondere più prontamente alle oscillazioni del mercato.
  3. Spedizioni e logistica più efficienti: il codice SKU permette di sapere molto velocemente dove si trovano determinati prodotti e dove invece servono. Incrociando questo tipo di informazioni è più facile organizzare spedizioni e movimenti di merce in maniera più efficiente, economica e sostenibile.
  4. Consigli d’acquisto al cliente e-commerce: se vendi online, il codice SKU permette al sistema di consigliare automaticamente dei prodotti potenzialmente interessanti o fargli trovare quello che sta cercando. In generale, i codici SKU sono un tassello molto importante per la vendita online su canali e-commerce.
I vantaggi del codice SKU per le aziende
I vantaggi del codice SKU per le aziende

Insomma, l’uso del codice SKU è un esempio pratico di come digitalizzare la propria azienda – anche di piccole o medie dimensioni – per renderla più competitiva e pronta ad affrontare le sfide del mercato.

Siete pronti a utilizzarlo?