A Cannes Lions trionfa la creatività

by

Si è appena conclusa la 65° edizione del Festival Internazionale della Creatività Cannes Lions, la kermesse annuale dedicata al mondo della pubblicità, del design e del marketing. Quest’anno, più di 32.000 progetti provenienti da 90 Paesi hanno gareggiato per aggiudicarsi i Leoni nelle diverse categorie, suddivise in 9 tematiche principali.

La principale novità del 2018 è costituita da due nuovi Lions, Creative eCommerce, il premio dedicato alle piattaforme di e-commerce e alle soluzioni di pagamento online, e The Sustainable Development Goals, rivolto alle aziende e organizzazioni che tramite i loro progetti hanno contribuito al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalle Nazioni Unite nel documento Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile.

In aggiunta, sono stati lanciati altri tre Leoni, riformulati rispetto ai precedenti: Social & Influencer, pensato per il mondo del social marketing, Industry Craft, dedicato alle proposte pubblicitarie più riuscite, e Brand Experience & Activation, destinato alle aziende che hanno saputo coinvolgere i consumatori attraverso idee creative coinvolgenti ed esperienze immersive.

Ecco alcune delle campagne vincitrici per le categorie Design, Outdoor e Print & Publishing.

Categoria Design

Tra i vari premi assegnati, L’Italia si è aggiudicata tre Lions nella categoria Design, due dei quali sono stati vinti dall’agenzia fiorentina Auge Design per il progetto “Mutti Special Edition for Fico Eataly World”.

Quando Mutti è stata selezionata come brand ambassador per il suo settore di riferimento da FICO Eataly World, il più grande agri-food park del mondo, l’azienda ha affidato la riprogettazione delle proprie confezioni di passata di pomodoro e pelati ad Auge Design.

Il risultato è una riuscitissima commistione tra modernità e tradizione, con un packaging che abbina finiture dorate e superfici lucide color avorio a tinte vivaci e stampe serigrafiche su materiali naturali.

Progetto Mutti Special Edition for Fico Eataly World
Il packaging realizzato da Auge Design per Mutti. Credits: https://www.dailyonline.it/

A portarsi a casa il Grand Prix, un leone d’oro e uno d’argento per la stessa categoria è stata l’agenzia inglese AMV BBDO per la campagna “Trash Isles”, ideata per la fondazione Plastic Oceans and LadBible allo scopo di sottoporre all’attenzione dei cittadini e delle istituzioni internazionali il grave problema dell’inquinamento da plastica negli oceani.

I creativi di AMV BBDO hanno deciso di inventare una vera e propria nazione denominata Trash Isles, stampando una bandiera, dei francobolli, delle banconote e dei passaporti contenenti informazioni sui danni prodotti da questo tipo di inquinamento. Gli oggetti sono poi stati inviati a influencer e media di tutto il mondo per ottenere visibilità e copertura mediatica.

 Campagna Trash Isles
I materiali realizzati da AMV BBDO per la campagna “Trash Isles”. Credits: Campaignlive.com

La petizione promossa in occasione dell’iniziativa ha raccolto 20.000 firme e la campagna ha avuto un’eco internazionale grazie agli articoli e ai servizi pubblicati da numerose testate e blog.

Categoria Outdoor

Publicis Italy e Publicis New York hanno conquistato un bronzo nella categoria Design e un oro nella categoria Outdoor per la geniale campagna “Go with the fake” realizzata per Diesel. Il celebre brand ha scelto di aprire un negozio con insegna “DEISEL” in Canal Street, la via delle imitazioni per eccellenza di New York.  Pur vendendo capi originali, questo negozio si finge volutamente “fake”.

Il video della campagna, diventato virale, ha generato 400 milioni di impressioni nel mondo e 55 milioni di visualizzazioni solo nelle piattaforme social. “Go with the fake” si è aggiudicata dei Leoni anche in molte altre categorie, portandosi a casa un bottino di premi davvero consistente.

L’italiana Dude ha vinto due leoni d’argento per la campagna “Black Future Social Club” prodotta per Netflix in occasione del lancio della quarta stagione della serie Black Mirror, mentre DDB Group Italy ha ricevuto due bronzi per il progetto “The Room” contro la violenza sulle donne, sviluppato per IKEA.

Ad aggiudicarsi invece uno dei Grand Prix della giuria è stato McDonald’s, che insieme all’agenzia canadese Cossette ha deciso di destrutturare l’iconico marchio della catena per la campagna “Follow the Arches”, finalizzata a indicare alle persone il ristorante più vicino a loro.

Campagna Follow the Arches
Uno dei cartelloni realizzati dall’agenzia Cossette per la campagna “Follow the Arches” di McDonald’s. Credits: https://www.graficab.net

Categoria Print & Publishing

Tra i concorrenti della categoria stampa, ha trionfato l’agenzia brasiliana Africa, che ha ottenuto Grand Prix e Leone d’oro con la campagna “Tagwords”, realizzata per il marchio di birra Budweiser.

Campagna Budweiser Tagwords
Una delle pagine pubblicitarie realizzate dall’agenzia Africa per Budweiser in occasione della campagna “Tagwords”. Credits: https://www.adweek.com

I creativi di Africa hanno saputo integrare efficacemente il mezzo cartaceo con il digitale per celebrare il legame storico del brand con il mondo della musica. Gli annunci e i cartelloni pubblicitari realizzati proponevano visual esclusivamente testuali, invogliando il pubblico a fare la propria ricerca su Internet utilizzando le parole chiave indicate.  In questo modo gli utenti potevano accedere a una vasta collezione di foto legate alla presenza di Budweiser in momenti epocali della storia del rock. 

Se sei curioso di scoprire le altre campagne pubblicitarie che hanno partecipato al Festival Internazionale della Creatività Lions, puoi visionarle registrandoti direttamente nel sito ufficiale dell’evento.

You may also like