Storia del logo di Mercedes-Benz: com’è nata una stella

by

Storia del logo di Mercedes-Benz: com’è nata una stella

Eccellenza tecnica, affidabilità, lusso, prestigio, classe. In una parola, anzi, in due: Mercedes-Benz. Oggi ripercorriamo la storia del suo logo e anche quella di una grande azienda che ha superato la prova del tempo, passando attraverso la grande depressione e la Seconda guerra mondiale, con la stessa tenacia e resistenza dei suoi motori. Accendiamoli e partiamo.

Un’azienda nata sotto una buona stella

Nel 1989 l’imprenditore austriaco Emil Jellinek apre la sua concessionaria, la Daimler-Motoren-Gesellschaft. Due anni dopo, commissiona all’autofficina un progetto molto speciale: la costruzione di 36 modelli di auto da competizione che montano un motore battezzato con il nome della sua primogenita, “Mercedes” (che significa “grazia”). Con questa nuova vettura, la 35PS, Emil Jellinek si porta a casa il primo posto al torneo automobilistico di Nizza. Insomma, la storia di Mercedes parte in quinta. E due anni dopo, nel 1902, viene depositato il marchio.

A questa storia manca ancora un tassello importante: ci riferiamo a quel “Benz” che viene subito dopo il trattino.

Dobbiamo aspettare il 1926 per veder nascere Mercedes-Benz, la casa automobilistica frutto dalla fusione tra la Daimler-Motoren-Gesellschaft e l’officina Benz & CIE fondata dall’ingegnere tedesco Karl Benz nel 1883.

Le evoluzioni del logo di Mercedes

Il primo logo, quello con cui viene presentata la vettura nel 1902, è questo.

IMMAGINE LOGO 1902

Un ovale orizzontale che incornicia il nuovo marchio. Non vi ricorda niente? Le forme ovali richiamano, seppur lontanamente, il rinomato concorrente italiano: Maserati. Rischioso, troppo rischioso confondersi con la concorrenza. Per questo, nel 1909, abbiamo il primo redesign.

IMMAGINE LOGO 1909

Il logo è essenziale ed elegante, le ombre creano un effetto tridimensionale come a voler enfatizzare la solidità del marchio. Scompare il nome e rimane una stella a tre punte disegnata dallo stesso Daimler: una punta per il mare, una per la terra e una per l’aria. Sono le tre vie che Daimler sta conquistando con i suoi motori per il trasporto marittimo, aeronautico e terrestre.

Poi di nuovo, nel 1916, il logo Mercedes viene ridisegnato: ora la stella è inserita in un cerchio, e il nome della casa automobilistica compare per esteso.

IMMAGINE LOGO 1916

Il 1926 è una data importante, sappiamo già che cosa accade: Daimler e Benz & CIE si fondono e danno vita al marchio Mercedes-Benz. C’è bisogno di un nuovo logo che sancisca l’inizio di questo capitolo. L’emblema deve essere una sintesi perfetta dei simboli distintivi delle due aziende: la stella a tre punte di Daimler e la corona d’alloro (che simboleggia la vittoria) dei motori Benz & CIE. Il logo che viene creato è ricchissimo di dettagli. Eccolo qui.

IMMAGINE LOGO 1926

Il 1933 è l’anno di una nuova riprogettazione all’insegna della sintesi. Scompare qualsiasi elemento decorativo e riamane solo una stella nera piatta (dalla fine della Seconda guerra mondiale viene abbandonato il nero per il color argento). E la corona d’alloro? Viene stilizzata fino a diventare un cerchio pulitissimo che contiene la stella.

IMMAGINE LOGO 1933

Dal 1933 a oggi il logo di Mercedes-Benz ha subito ulteriori riprogettazioni pur rimanendo sempre fedele a sé stesso. Dal 1989 viene riproposto il nome della casa automobilistica in un carattere con grazie molto elegante. Il logo riprende volume e fisicità ed è di colore argento, molto brillante. La scelta di questo colore non è casuale: è un tributo alle “Silver Arrows”, le auto da corsa color argento che hanno rappresentato la casa automobilistica al Gran Premio del 1934. Il colore argento rievoca, inoltre, il settore meccanico e tecnologico e, con la sua brillantezza, conferisce un senso di eleganza e classe.

IMMAGINE LOGO ATTUALE

Il logo rappresenta con estrema sintesi e puntualità la percezione che gran parte di noi ha del marchio Mercedes-Benz, da sempre sinonimo di tecnologia e di prestigio. E quando un logo riesce a raccontare così bene la sua azienda, allora significa che è progettato per correre e andare lontano.

You may also like