BMW adotta un logo minimalista

by

Minimalismo: una tendenza sempre più popolare

La nuova tendenza ormai da diversi anni. Il design piatto e lo stile minimalista vengono emulati un po’ ovunque e in tutti i settori. Per i marchi che esistono da decenni, questo è spesso un modo per tornare alle origini, a cose più semplici, senza fronzoli. Aggiornare il proprio logo è anche un modo per rinnovare la propria immagine e raggiungere un pubblico più giovane, una nuova generazione di consumatori, una generazione connessa.

Quindi questi nuovi codici sono spesso associati al digitale poiché sono marchi come Facebook, Airbnb, Yahoo, Google o persino GoDaddy che hanno dato vita al movimento 5, 6 o anche 7 anni fa ormai. E tra le case automobilistiche, BMW non è il primo marchio a lanciarsi in questa iniziativa. Citroën aveva infatti cambiato il suo logo appiattendo i suoi “Chevron” nel 2016. All’interno dello stesso gruppo di BMW, MINI aveva già ceduto alla tendenza del design piatto nel 2017 con una versione molto raffinata, minimalista, in bianco e nero del suo logo storico. Più recentemente, Volkswagen e Lotus hanno apportato modifiche simili al loro logo passando al 2D. E l’ultimo esempio è quello di Nissan, che ha svelato la sua nuova identità più minimalista e più digitale lo scorso luglio.

BMW entra in una nuova era

Ma torniamo al nostro argomento. La casa automobilistica, che ha celebrato il suo centenario nel 2016, finora aveva cambiato la sua identità visiva solo 5 volte, quindi non così tante rispetto a Renault o Volkswagen con rispettivamente 10 e 12 versioni di loghi diversi. Questa nuova identità è stata svelata durante la presentazione della nuova Concept Car i4. E il nuovo logo rappresenta un enorme cambiamento nella storia di BMW. Per la prima volta dalla nascita del marchio, BMW rimuove l’anello esterno nero a favore di uno sfondo trasparente. Naturalmente, il logo mantiene il motivo a scacchi blu e bianco che ricorda i colori della bandiera bavarese (eh già, il logo non rappresenta un’elica di elicottero come molti pensano).

Bandiera della Baviera. Crediti: www.monsieur-des-drapeaux.com
Manifesto dell’Esposizione Universale di Berlino del 1924. Crediti: BMW

Un logo moderno per grandi ambizioni

Per Jens Thiemer, Vicepresidente Senior Clienti e Brand, il nuovo logo “è l’espressione di una brand identity rivisitata, che pone il cliente al centro di tutte le attività. Leggero e bidimensionale, trasmette apertura e chiarezza. Questa versione trasparente del logo è un invito più aperto che mai per i clienti ad entrare a far parte del mondo BMW. Il cambiamento riflette la transizione di BMW, il desiderio del marchio di non rimanere più concentrato esclusivamente sul mondo automobilistico ma di fare un passo avanti verso la tecnologia e il mondo digitale. L’ultima versione del marchio BMW è infatti focalizzata sulle sfide e le opportunità che quest’ultimo settore può offrire. Il logo ridisegnato esprime apertura e forza di carattere per garantire una presenza contemporanea e duratura sia online che offline.”

Concept Car i4. Crediti: BMW

La visuale più discreta e la flessibilità grafica dovuta alla trasparenza permettono quindi al brand di variare la propria immagine e di adattarsi più facilmente alla grande varietà di media per raggiungere i suoi diversi target. Ma se questa modifica grafica è audace, ci si chiede se non abbia i suoi limiti. L’adozione della trasparenza nel logo è davvero una strategia rischiosa. Si può vedere che su uno sfondo di colore scuro o sulla griglia della nuova Concept Car i4, questo nuovo logo funziona bene. Ma su uno sfondo chiaro?

Logo con sfondo nero. Crediti: BMW

Non è una buona strategia?

BMW non ha ancora specificato quando questo nuovo logo entrerà in produzione sulle vetture di serie ma possiamo già immaginare che se il marchio non adatterà il cerchio bianco e la tipografia bianca quando il logo andrà a trovarsi su uno sfondo chiaro (come ad esempio, un’auto con carrozzeria bianca, una pubblicità con cielo sereno o carta intestata), il marchio può essere ridotto solo al badge, cioè alla pastiglia blu e bianca. Il problema con i loghi minimalisti è quindi che per cercare di semplificare troppo si può finire col danneggiare il marchio stesso. E in questo caso la trasparenza rischia di invadere la leggibilità e quindi i mezzi di riconoscimento del marchio.

Logo calandra + mani. Crediti: BMW
Logo calandra.Crediti: BMW

You may also like