Partecipazioni di nozze fai da te: da dove si parte?

by

Oggi parliamo di partecipazioni di nozze fai da te. E cerchiamo di rispondere a tutte quelle domande che vi frullano in testa quando vi ritrovate alle prese con gli inviti. Domande tipo:

  • Come posso stupire gli ospiti con una partecipazione di nozze originale?
  • Come creare gli inviti senza spendere troppo?
  • Che carta scelgo per la stampa?
  • Cosa bisogna scrivere in una partecipazione di matrimonio?
  • Quando deve essere spedita? Come?

Qui trovate un po’ di risposte, insieme ad alcuni esempi di partecipazioni di matrimonio davvero originali da cui prendere ispirazione.

Il DNA delle partecipazioni di nozze originali

Di partecipazioni di matrimonio ne avrete ricevute a decine, ma quante ne riuscite a ricordare? Mmm, forse non molte. Questo accade perché, tra le mille cose a cui pensare, spesso gli inviti vengono liquidati un po’ troppo frettolosamente. Il risultato? Mancano di personalità e originalità. Se non volete che i vostri finiscano nel dimenticatoio, concentratevi su: il fil rouge che guiderà i festeggiamenti, il mood che volete dare all’evento, visualizzate anche la location e gli allestimenti. Avete fatto? Ecco, le partecipazioni devono essere coerenti con tutto questo. Poi, naturalmente, bisogna aggiungerci un pizzico di voi.

Qui vi mostriamo esempi di inviti che rispecchiano quello che intendiamo per “partecipazioni di nozze originali”.

Matrimonio al mare? Guardate fino a quale microscopico dettaglio potete personalizzare gli inviti per far sentire ai vostri ospiti tutta l’immensità del mare.

Immagine da Pinterest. Link: https://www.pinterest.it/pin/9359111714606915/

Se avete concepito il vostro matrimonio come una grande festa informale, potete trasferire questo spirito agli ospiti con delle partecipazioni giocose e divertenti.

Immagine da Pinterest. https://www.pinterest.it/pin/400679698075821999/ 
Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/397724210847577540/

Siete instancabili giramondo? Celebrate il grande viaggio di coppia che state per intraprendere con una partecipazione a mo’ di passaporto o di biglietto aereo.

Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/813110907718145498/
Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/8936899232095749/

Per il rinfresco avete scelto una villa circondata dalla natura? Avete una passione per il giardinaggio e un pollice verdissimo? Puntate su un invito con temi naturali, magari che riprenda il vostro fiore preferito o le decorazioni floreali che avete scelto per l’allestimento. Se avete una mano esperta potete anche dipingere il fiore sul biglietto. Ma se il pennello non è il vostro forte, puntate su un fiorellino essiccato da allegare all’invito. Ecco a voi qualche ispirazione bucolica.

Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/338755203194603881/
Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/697283954796324137/

Poi un’idea simpatica per i cinefili, o per chi vorrebbe che il giorno del proprio matrimonio assomigliasse a un film hollywoodiano: la partecipazione può trasformarsi in un biglietto del cinema dal sapore retrò. Lo spettacolo? La vostra storia d’amore, che domande!

Immagine da Pinterest: https://www.pinterest.it/pin/354799276887607930/

Gli strumenti per creare gli inviti di nozze fai da te

Abbiamo visto che per creare una partecipazione originale servono creatività e personalità. Poi, però, bisogna anche capire con che strumenti realizzarla. Giunti a questo punto vi trovate di fronte a un bivio: bricolage o grafica digitale?

  • Va bene se volete dare un tocco caldo all’invito e se avete mani esperte. Meno bene se avete tanti invitati – considerate che tutta l’organizzazione del matrimonio vi impegnerà parecchio.
  • Grafica digitale. Va bene se volete realizzare un invito più formale o se volete puntare su un visual di grande impatto. La grafica digitale è perfetta anche se volete risparmiare tempo e denaro.

Se avete scelto di intraprendere la seconda strada – noi ve la suggeriamo –, ecco due tool che potete usare per realizzare le vostre partecipazioni di nozze online:

Dopo pochi clic, avrete creato le vostre partecipazioni di matrimonio economiche e personalizzate. A queste dovrete aggiungere un testo, che può essere scritto a mano – più personale ed elegante, ma consigliato solo a chi ha una buona calligrafia – o in digitale. In quest’ultimo caso: quali font utilizzare? Noi consigliamo un carattere che sia facilmente leggibile (occhio ai calligrafici, alcuni sono un po’ difficoltosi da decodificare) e di una dimensione a prova di miope. Per un effetto più classico puntiamo su un font graziato, per una partecipazione più moderna su un font bastoni. Poi teniamo sempre presenti alcuni rudimentali consigli in materia di font pairing:

  • non mescolate più di due font diversi;
  • accostate, magari, un sans serif a un serif (o a un calligrafico leggibile);
  • se volete andare sul sicuro, usate font con pesi diversi appartenenti alla stessa famiglia tipografica.

E se proprio il font pairing non è vostro forte, fatevi aiutare da Fontjoy.

Ok, tutto chiaro, ma… cosa bisogna scrivere sugli inviti?

Partecipazioni di matrimonio: cosa scrivere?

Prima di tutto assicuratevi che le partecipazioni assolvano al loro ruolo principale, che è informativo. Non deve mancare: data, ora e luogo della cerimonia, ora e luogo del ricevimento e del banchetto. Potete aggiungere anche mappe, consigli utili per raggiungere le location o informazioni sui trasporti. Ovviamente, non dimenticate di richiedere la conferma della presenza.

Un consiglio: se ci sono invitati che partecipano solo alla cerimonia e non ai festeggiamenti successivi, vi suggeriamo di optare per due inviti separati – di solito l’invito alla cerimonia è di un formato più grande rispetto a quello di invito al ricevimento. In questo modo non rischierete di fare confusione.

Alle informazioni pratiche potete aggiungere due righe scritte di vostro pugno. Sappiamo che in queste circostanze è difficile trovare le parole giuste, noi vi consigliamo di essere semplici e spontanei. Agli aforismi sull’amore, alle citazioni da Baci Perugina, ai testi delle canzoni strappalacrime, preferite una frase semplice, senza che sia a tutti i costi d’effetto. Un esempio? “Ci piacerebbe festeggiare questo giorno con te.” Ok, non sarà il massimo dell’originalità, ma è una frase “vera”.

Ultimissimo consiglio per quanto riguarda il testo: chiedete ad amici e parenti (ma solo se invitati al matrimonio!) di rileggere bene tutto quello che avete scritto. Più occhi sono meglio di un paio per scovare eventuali refusi.

Ora rimane solo da decidere come presentare agli invitati le vostre partecipazioni.

Carta o digitale? Quale carta scegliere?

Chiamala se vuoi deformazione professionale, ma a noi l’invito di nozze piace stampato su carta. Su questo aspetto siamo dei tradizionalisti. Ci piace l’idea che la partecipazione venga conservata non in una memoria digitale, ma in un cassetto.

Quindi, quale carta scegliere per la stampa? La prima cosa da guardare è la grammatura. La carta dell’invito non deve essere troppo fine perché non si deve rompere o piegare. Noi vi suggeriamo di orientarvi su una carta da 170 grammi.

Dopodiché viene la scelta della tipologia di carta. E qui si apre un mondo:

  • Per un effetto classico ed elegante potete puntare su una carta speciale, come le carte perlate, le carte acquerello o una carta patinata lucida o opaca.
  • Volete dare alla cerimonia un’impronta green? Stampate le partecipazioni su carta riciclata e lasciate che il vostro invito si faccia portavoce di un messaggio sostenibile.
  • Se volete stupire i vostri invitati con qualcosa di inconsueto, scegliete una carta piantabile – si trasformerà in un piccolo cadeau per gli invitati. Non la conoscete? Venite a scoprire di cosa si tratta. (link all’articolo sulla carta piantabile)

E per la stampa? Be’, a quello ci pensiamo noi, comodamente online. E, se serve, possiamo anche guidarvi nella scelta della carta più indicata alle vostre partecipazioni.

Come e quando inviare le partecipazioni?

Il matrimonio ha i suoi riti e le sue tradizioni che, però, possono essere tradite per rendere l’evento più a propria misura. Anche per quanto riguarda la consegna degli inviti ci sono delle regole che potete scegliere di seguire o di prendere con elasticità.

Tradizione vuole che le partecipazioni – stampate su carta – vengano spedite per posta o consegnate a mano. Noi aggiungiamo: chiudiamo un occhio per gli inviti che devono viaggiare molto lontano. In quel caso possiamo fare uno strappo alla regola e affidarci alle comodità del digitale.

Quando vanno spedite le partecipazioni? I più rigorosi rispondono: “due mesi prima della data della cerimonia”. Questo è un lasso di tempo giusto per far sì che gli invitati si organizzino, ma non è nemmeno troppo presto per farvi sapere se potranno esserci. E per chi vive all’estero? Informate le persone della data del matrimonio non appena ne avete una ufficiale – va bene anche una comunicazione informale, tanto serve solo per consentire agli invitati di prenotare gli aerei a prezzi ragionevoli. Poi inviate anche a loro le partecipazioni due mesi prima dell’evento.

Infine, se proprio ci tenete a fare le cose con bon ton, qualche giorno dopo il matrimonio potete inviare agli invitati un biglietto di ringraziamento per la partecipazione. Ma qui si apre un nuovo capitolo e, nel caso vogliate occuparvi anche di questo, avete già un bel po’ di consigli che vi possono tornare utili.

You may also like