Gli erbari: la Bibbia delle piante

by

L’opera della poetessa americana Emily Dickinson (1830-1886) è stata elogiata come una delle più grandi opere di lingua inglese di tutti i tempi. Ciò che alcuni dei suoi lettori potrebbero non sapere è che è stata anche autrice di un articolo scientifico usato come fonte di ricerca per molte generazioni di biologi e naturalisti in tutto il mondo. Lo portò a termine nel 1845, quando era solo un’adolescente, aveva 14 anni e studiava storia naturale e astronomia al Mount Holyoke Female Seminary (Massachusetts), materie che in seguito avrebbero permeato le sue poesie. Il manoscritto di 66 pagine è un catalogo di 424 esemplari di fiori di campo della zona, raccolti, selezionati e pressati dalla stessa Dickinson, con i nomi delle piante scritti in latino in elegante calligrafia.

Si tratta di un erbario molto conosciuto ed è conservato nella biblioteca di libri rari dell’Università di Harvard e digitalizzato per la consultazione del pubblico. Recentemente, inoltre, l’editore spagnolo Ya lo dijo Casimiro Parker ha pubblicato un libro di fotografie del documento accompagnate da un’antologia di poesie di Dickinson che trattano di piante, alberi e fiori, in edizione bilingue.

Ma che cos’è un erbario?

In botanica, un erbario (dal latino “herbarium”) è una raccolta di esemplari di piante o loro parti conservate che vengono etichettate e selezionate per essere studiate. Possono essere inclusi anche muschi, alghe, funghi, licheni, semi, pollini, pezzetti di legno, ecc. I campioni sono sempre accompagnati da informazioni come l’identità del raccoglitore, il luogo e la data di raccolta, l’aspetto della pianta e l’habitat in cui è stata trovata. Lo scopo dell’erbario è quello di avere una rappresentazione sistematica della diversità delle piante in una specifica regione geografica nel tempo e nello spazio, motivo per cui è così importante per la ricerca in campo botanico.

Nell’antichità c’erano già botanici interessati allo studio delle piante medicinali che ne conservavano esemplari rappresentativi. Ma la pratica di farli seccare e conservarli su carta viene attribuita a Luca Ghini (1490-1556), professore di botanica all’Università di Bologna, che li spediva per posta. La tecnica, molto simile a quella attuale, si diffuse nel resto d’Europa attraverso i suoi allievi e acquisì grande importanza nei secoli successivi grazie a spedizioni in territori sconosciuti, in cui furono raccolte tante specie diverse.

Ai tempi di Ghini, questi plichi di carta erano conosciuti come “hortus siccus” (giardino secco) o “hortus hiemalis” (giardino d’inverno), e non come “erbario”, un termine riservato per descrivere i libri di piante medicinali. Al medico e botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656-1708) viene attribuito l’uso più generico della parola per riferirsi a raccolte di esemplari vegetali. In questi primi erbari, le foglie erano rilegate in libri, ma il naturalista e tassonomista svedese Carlos Linneo (1707-1778) iniziò a conservarle impilate in file verticali sugli scaffali, e furono principalmente i medici ad occuparsi della loro custodia.

Coleccion de tipos nomenclaturales del Herbario GDA, GDAC

Con il passare del tempo, quelle che erano essenzialmente collezioni private furono depositate in luoghi specificamente destinati ad ospitare migliaia o addirittura milioni di esemplari, chiamati anch’essi erbari. Oggi ci sono circa 3.000 erbari in tutto il mondo, la maggior parte dei quali associati a università, musei, giardini botanici o altri istituti di ricerca. Il più antico fu fondato a Roma nel 1532 da uno studente di Ghini, Gherardo Cibo (1512-1600), e i più grandi del mondo (che ospitano tra 7 e 9,5 milioni di esemplari) si trovano al Museo di Storia Naturale di Parigi (Francia), nel Giardino Botanico Reale di Kew (Inghilterra), nel Giardino Botanico di New York (Stati Uniti) e presso l’Istituto Botanico Komarov, a San Pietroburgo (Russia).

Come realizzare un erbario in casa

Nonostante sia un documento scientifico, in realtà possiamo anche creare un erbario con le piante del nostro ambiente, realizzare composizioni artistiche e persino accompagnarle con poesie, pensieri, disegni o appunti. Il processo è molto semplice e consiste in pochi passaggi di base.

1.Preparazione degli strumenti

Dobbiamo assicurarci di disporre di tutti gli strumenti da utilizzare durante l’intero processo e, in caso contrario, procurarceli. Ad esempio, forbici da potatura e forbici standard, sacchetti di plastica, giornali o cartone ondulato, etichette, matita o penna e, soprattutto, il supporto su cui esporremo i campioni raccolti. Possiamo costruire il nostro taccuino personalizzato con fogli o cartoncino spesso, praticando dei buchi nel margine per inserirli in una cartella o unirli con un nastro o uno spago.

2.Raccolta del materiale

È importante conoscere la normativa vigente sulla raccolta delle specie di flora selvatica e i cataloghi di quelle in via di estinzione, poiché in quest’ultimo caso la raccolta potrebbe essere vietata in alcune aree, come gli spazi naturali protetti, ad esempio.

Il momento migliore della giornata per raccogliere i campioni è la tarda mattinata o il primo pomeriggio, in modo che non siano né troppo asciutti né troppo bagnati. Va fatto con la massima delicatezza, con le forbici, cercando di tagliare solo la parte di cui abbiamo bisogno per non danneggiare il resto. Quindi il tutto va conservato in un sacchetto di plastica, in una scatola o in un cestino, se si tratta di funghi.

3.Pressatura e asciugatura

Per preparare la pianta, è necessario disidratarla sotto pressione il più rapidamente possibile. Esistono diverse procedure, ma una delle più semplici è quella di mettere il campione su alcuni fogli di giornale o carta ondulata (cinque o sei). Fogli di carta, campione, altri fogli, un altro campione e via di seguito, fino a coprire tutte le piante che abbiamo raccolto. Al termine, un oggetto pesante, come libri o mattoni, viene posizionato sopra a tutto il plico; puoi anche fare una pressa fatta in casa con assi di legno. Bisogna aspettare almeno una settimana, cambiando i fogli ogni uno o due giorni per evitare che i campioni marciscano.

4.Montaggio ed etichettatura

Una volta secchi, i campioni vengono fissati sulle pagine del quaderno o dei fogli che abbiamo scelto con colla, nastro adesivo, spilli o mediante cucitura. Basta annotare attentamente i dati della pianta: nome scientifico, luogo e data di raccolta, persona che ha raccolto il campione e qualsiasi altra informazione scientifica che possa essere di interesse.

You may also like