7 cose con cui si può fare la carta (e che non sono alberi)

by

In un mondo senza carta non ci sarebbero libri, banconote, fotografie, cartelli, opere d’arte, scatole, scatoloni… Insomma, la vita sarebbe molto meno interessante. Ma per fare la carta di cui abbiamo bisogno, occorre tagliare milioni di alberi. Ci sono alternative alla deforestazione? In realtà, non sempre la carta è stata fatta a partire dal legno.

Per esempio, gli egizi la fabbricavano usando papiri. E per secoli l’umanità ha scritto su pelli di animali. Negli ultimi anni, l’industria sta tornando alle origini, esplorando fibre alternative. La “carta senz’alberi” (tree free paper) è di moda.

Ecco alcuni materiali che non ti aspetti, con i quali già si sta fabbricando la carta.

1) Con le tue vecchie T-shirt

Nel 2017, l’impresa britannica Moo ha lanciato una serie di biglietti da visita fatti a base di vecchie T-Shirt riciclate. Il cotone estratto da tessuti in disuso produce un tipo di carta particolarmente resistente, che si usa combinata con altre fibre per documenti legali che devono durare nel tempo o nelle banconote di diversi paesi.

2) Con la cacca del tuo erbivoro preferito

L’impresa statunitense Poopoopaper commercializza carta fatta con feci di mucca, asino, cavallo, alce, elefante e persino panda. Le feci degli erbivori sono ricche di fibre derivate dalle piante e dalla frutta di cui questi animali si nutrono. Con un processo di pulizia e filtraggio si ottiene una splendida carta (del tutto priva di odori!). Alcuni credono che questa tecnica potrebbe aiutare ad affrontare il grave problema della gestione delle feci degli animali d’allevamento.

3) Con bucce, gusci e noccioli di frutta

Bucce d’arancia, viticci d’uva, noccioli d’olive e di frutta, gusci di mandorle, noci e noccioline… Con tutti questi prodotti l’impresa italiana Favini è capace di produrre la sua carta “senz’alberi” Crush. In generale, i residui dell’agricoltura che non possono essere dati da mangiare ad animali o usati per generare biomassa, finiscono per essere bruciati. Ma questi residui sono una fonte di fibre che diverse imprese stanno usando per fabbricare carta. Una linea di produzione promettente è l’uso dei resti della raccolta delle banane.

4) Con piante che non sono alberi

In Cina si fabbrica carta di bambú da un millennio e mezzo. Dal bambú si può estrarre una polpa del tutto analoga a quella della carta convenzionale. Questa antica tecnica è stata trasformata in business da imprese come la canadese Caboo. Anche la canna da zucchero e la canapa offrono fibre promettenti, già usate in carte commerciali. Una pianta africana della famiglia del cotone, il kenaf, sta attirando paticolare attenzione. Una superficie coltivata a kenaf produce in un anno la quantità di fibra che la stessa superficie, coltivata a pino, produrrebbe in vent’anni.

5) Con le alghe

Ogni anno, le città costiere raccolgono tonnellate di alghe accumulate sulle spiagge. Questi “rifiuti” del mare sono ricchi di cellulosa, che si può usare per fabbricare carta di buona qualità. Diverse iniziative, sia a livello di ricerca che applicate a prodotti industriali stanno sfruttando questa possibilità. È straordinaria la storia di una carta italiana creata negli anni ’90, nel contesto di un progetto di ricerca che aveva l’obiettivo di catturare e riciclare le alghe che stavano invadendo la laguna di Venezia.

6) Con i sassi

Alcune carte convenzionali contengono polvere di minerali che le rendono più brillanti e resistenti. Ma esiste un tipo di carta in cui il minerale rappresenta più dell’80% del prodotto, mescolato a una piccola quantità di resina plastica. Questa carta fatta a base di pietra è già ampiamente commercializzata da diverse imprese in prodotti di alta qualità.

7) Col cuoio

L’italiana Favini ha messo sul mercato un originale prodotto fatto a base di carta convenzionale riciclata, mescolata con resti della produzione del cuoio. Così il cerchio si chiude, tornando alla cara vecchia pelle come materiale di base per la scrittura.

You may also like

Leave a Comment

Your email address will not be published.