“Burn after writing”: il libro da bruciare che va a ruba tra i millennial

by

Tutti si mettono a scrivere

Molte persone sognano di scrivere. Secondo un sondaggio, un francese su tre ha già pensato di scrivere un libro (romanzo, saggio, memorie, poesie o opere teatrali). E dopo i vari lockdown, gli editori sia francesi che stranieri non hanno mai ricevuto così tanti manoscritti. Alcuni prestigiosi editori hanno addirittura chiesto agli aspiranti autori di interrompere l’invio dei loro scritti. Ma al di là della scrittura, alcuni sognano il successo, la fama. E in generale, si pensa che ci voglia una buona storia e un buon stile di scrittura per avere successo in libreria. Ma non necessariamente…

Un libro che non racconta nulla

“Supera i tuoi limiti, rifletti sul tuo passato, presente e futuro e crea un libro segreto che parli di te, solo per te. E quando hai finito, buttalo, nascondilo… o brucialo dopo averlo scritto”: ecco cosa si legge sulla quarta di copertina del libro di Sharon Jones. È una specie di diario sotto forma di domande a risposta multipla e frasi da completare. Oltre 160 pagine con decine di domande molto personali: qual è la buona azione che non dimenticherò mai? Il mio primo concerto? Il mio primo bacio? Se potessi ricominciare tutto da capo, cosa cambierei? Cosa penserebbe l’adolescente di 16 anni della persona che sono oggi? Cosa mi stimola brividi di piacere? Chi mi ha ferito di più… Se dovessi sacrificare qualcuno dei miei cari per salvare il mondo, sarebbe… Insomma, qui l’autrice ci offre una cornice, è il lettore poi che scrive la storia! Questo è un libro che si crea da solo, senza dover essere per forza scrittori.

Burn after writing. Crediti: thelindsayeliz

Un libro in opposizione ai social network…

La storia di “Burn after writing” inizia nel 2014 quando Sharon Jones, una graphic designer del nord dell’Inghilterra, vedeva sua figlia adolescente trascorrere molto tempo sui social network e confidare apertamente “alla rete” una moltitudine di cose molto personali come le sue scelte, i suoi sogni, i suoi progetti. Ai suoi tempi Sharon teneva invece un taccuino e una penna per annotare i suoi pensieri, non condivideva tutto con centinaia o addirittura migliaia di “amici” o follower. Voleva quindi creare “un posto” che appartenesse solo a ognuno di noi e la cui vocazione fosse quella di rimanere privato. Ci dice, infatti: “In una società in cui condividiamo tutto, “Burn after writing” va controcorrente e ti invita a non condividere nulla”.

…Lanciato dai social network e ora N. 1 nelle vendite

Per alcuni anni il libro non ha avuto molto successo. Ma alla fine del 2019, è stato rilanciato da un’influencer di TikTok come suo libro preferito. Ed ecco che il fenomeno “Burn after writing” ha preso campo tra i millennial. Il post dell’influencer è stato ricondiviso migliaia di volte e l’hashtag #burnafterwriting ha ad oggi oltre 80 milioni di visualizzazioni su TikTok. Da allora, il successo è stato riscontrato in un gran numero di Paesi e il libro è persino andato temporaneamente esaurito. C’è da dire che la pandemia, periodo che ci ha spinto all’introspezione, è stata la tempistica perfetta per questo tipo di opera. Ora, su TikTok e Instagram, i fan di tutto il mondo si riprendono mentre aprono il libro, di solito con mani e unghie super-curate, e scrivono i loro più intimi pensieri prima di bruciarlo. Perché sì, il successo del libro si basa soprattutto sul concept creativo di bruciare i propri pensieri affinché rimangano segreti per sempre.

Burn after writing. Crediti: the_bookish_astronaut

Un nuovo libro, che non racconta proprio nulla…

L’autrice sembra voler cavalcare il successo di “Burn after writing” poiché ha recentemente pubblicato un nuovo libro “This is what my soul looks like”. Questo seguito funziona con lo stesso principio: domande a cui il lettore deve rispondere per vedere come appare la sua anima. Sharon Jones spiega: “Pensate a questo libro come a un’autoterapia. Prendetevi il controllo della vostra crescita personale. Riconoscete i vostri pregiudizi, sentimenti e motivazioni. Aumentate la consapevolezza di voi stessi. Comprendete i vostri valori, le vostre convinzioni e i vostri principi. Scoprite come i vostri cari influenzano la vostra vita. Migliorate la vostra intelligenza emotiva e ottenete una visione unica di chi siete e cosa vi spinge ad agire “. Ma, senza il concetto insolito del primo libro, non siamo sicuri che questo abbia lo stesso successo.

This is what my soul looks like. Crediti: Sharon Jones

Nell’era dei social network, quindi, possiamo renderci conto che un concept creativo un po’ anticonformista, anche se dovrebbe andare contro quegli stessi social network, può diventare virale e trasformarsi in un business molto efficace. Ora sta a voi giudicare l’utilità di un libro del genere…

This is what my soul looks like. Crediti: Sharon Jones

You may also like